Pergola Veronese: Un sistema tradizionale di addestramento delle viti

24 Settembre 2023 - News, Vini

In Valpolicella, l’uso della Pergola Veronese è radicato sia nella tradizione che nella praticità. Il sistema della pergola è stato utilizzato nella regione per secoli, sin dall’epoca romana! a causa della sua adattabilità al clima locale, al terreno e alle varietà di uva.

Una delle principali ragioni per cui si utilizza la Pergola Veronese in Valpolicella è la sua capacità di proteggere le viti. La copertura densa creata dall’addestramento orizzontale dei tralci lungo le travi della pergola protegge le uve dall’eccessiva esposizione al sole. Questo effetto di ombreggiatura aiuta a regolare il processo di maturazione, garantendo che le uve sviluppino livelli ottimali di zucchero e acidità. Inoltre, la copertura offre protezione contro improvvisi cambiamenti di temperatura o grandinate, che possono danneggiare i delicati grappoli d’uva.

La regione di Valpolicella è caratterizzata dal suo terreno collinare, che può rappresentare una sfida per la coltivazione dell’uva. La Pergola Veronese è ben adatta a questo paesaggio in quanto consente un uso efficace dello spazio. Addestrando le viti in modo orizzontale, il sistema della pergola massimizza l’area verticale del vigneto, facilitando la gestione e la raccolta delle uve. La struttura della pergola favorisce anche una migliore circolazione dell’aria, riducendo il rischio di malattie fungine e migliorando la salute complessiva delle viti.

Inoltre, l’uso della Pergola Veronese in Valpolicella è profondamente legato all’identità culturale e storica della regione. È un metodo tradizionale che è stato tramandato attraverso generazioni di vignaioli, contribuendo al carattere unico dei vini di Valpolicella. Pertanto, non è solo una scelta pratica, ma anche un modo per preservare l’eredità e l’autenticità dell’arte vinicola in Valpolicella.

In conclusione, la Pergola Veronese viene utilizzata in Valpolicella per le sue qualità protettive, adattabilità al terreno collinare e significato culturale. Consente lo sviluppo ottimale dell’uva, una gestione efficiente del vigneto e la continua tradizione dell’arte vinicola di lunga data.

Inoltre facilita la raccolta delle uve selezionate durante la vendemmia, senza faticare la schiena.